Cos’è l’ipnosi? Perché l’ipnosi?

Alcuni soggetti trovano subito le risorse necessarie per superare il proprio problema e capita spesso che situazioni che si trascinavano da anni possano dissolversi dopo una sola seduta di ipnosi. Capita anche frequentemente che i cambiamenti siano talmente naturali che non ci si accorga di essere cambiati fino a quando non sono le situazioni quotidiane a farcelo notare.

Naturalmente anche in questo caso molte persone sperano di trovare la pillola magica, di potersi sedere di fronte a un professionista che le addormenterà e dopo un paio d’ore incominciare una nuova vita senza sforzo.

Evidentemente, tutto questo è insensato e impossibile, perché l’ipnosi non è una cura, ma un processo che l’ipnotista e il cliente conducono insieme per migliorare la qualità della vita del cliente.

Mentre gli stati alterati di coscienza sono una caratteristica fisiologica del nostro cervello, che si modificano anche indipendentemente dalla nostra attenzione consapevole, l’ipnosi è sempre un intervento volontario che mira al raggiungimento di un obiettivo ben preciso e si basa sul rapporto di collaborazione, fiducia e confronto tra l’ipnotizzatore e il subconscio della persona (o delle persone) in trance.

L’ipnotizzato ha un ruolo attivo nel cambiamento e durante lo stato di trance, con la guida del coach, può intervenire per rimuovere blocchi e condizionamenti, per correggere e migliorare comportamenti e per acquisire nuove buone abitudini; ciò che sperimenta, prova e ascolta durante l’intero processo ipnotico è, al contrario di ciò che è comunemente pensato, un’attività di totale presenza a se stessi, poiché si è molto più vigili del normale anche se si hanno gli occhi chiusi e sembra di dormire.

L’ipnotista durante il processo di cambiamento è la guida che sa come accompagnare in maniera sicura e veloce all’interno dei processi inconsci per trovare facilmente le risorse necessarie.

L’ipnosi, dunque, funziona e bene, come dimostrato da importanti ricerche scientifiche. Ne citiamo una in particolare, lo studio di Alfred A. Barrios, Ph.D.  che in sintesi rileva quanto segue:

Psicoanalisi: 38% successo dopo 600 sedute.
Terapia comportamentale: 72% successo dopo 22 sedute.
Ipnosi: 93% successo dopo 6 sedute.

I campi d’applicazione sono molteplici, tra cui:

  • sconfiggere abitudini negative
  • gestione del peso e della dieta
  • gestione delle allergie
  • autostima
  • gestione dello stress
  • gestione del dolore (parto, dentista, …)
  • parlare in pubblico
  • piccoli disturbi fisici (mal di testa, dolori mestruali, DOMS, …)
  • migliorare le prestazioni sportive
  • incrementare la memoria

Vuoi diventare ipnotista?

Clicca qui per scoprire come puoi farlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *