Sport

Affiancare l’atleta o l’allenatore?
Mettere al primo posto la squadra o il campione?
In gruppo o individualmente?
Motivare o programmare gli obiettivi?
In che modo è utile usare l’ipnosi nello sport?
Cosa vuol dire “trance agonistica”?
E se poi si crea dipendenza? Oppure si tratta solo di avere la giusta continuità?

Tutte domande legittime, che hanno in fondo un’unica risposta: l’allenatore mentale nello sport è quella figura in grado di far raggiungere allo sportivo lo stato ottimale per esprimersi al meglio in qualsiasi condizione.

Questo deve poter avvenire in qualsiasi momento e il più velocemente possibile, perché nello sport ciò che conta maggiormente è la continuità e l’esperienza insegna che proprio il rendimento altalenante è alla base di carriere interrotte prima di sbocciare o di campionati mai decollati.

Lo sport coach allena l’atleta a :

  • sapersi motivare psicologicamente
  • accedere ai massimi livelli d’energia fisica
  • gestire stato d’animo e stress
  • monitorare e perfezionare le proprie convinzioni
  • sviluppare sicurezza in se stesso
  • controllare il proprio focus mentale
  • imparare ad usare la visualizzazione e l’auto-ipnosi
  • ottimizzare le strategie per il successo
  • perfezionare il gesto tecnico per creare un’impronta mnemonica che renda automatica l’eccellenza durante l’esecuzione.

La condizione mentale dell’atleta risulta fondamentale per l’efficacia dell’allenamento e sicuramente è determinante prima, durante e dopo la gara.

Il percorso prevede il seguente piano di studi:
(clicca sul nome del corso per accedere al programma dettagliato)