Autostima

Per questo argomento devi innanzitutto fare tuoi i concetti che espongo nella mia trilogia sull’autostima pubblicata da PiùChePuoi.

Puoi leggere i 3 articoli cliccando su questi link:

Autostima ecco come guadagnartela

Autostima aumentala subito e ottieni ciò che desideri veramente

Autostima finalmente smascherate tutte le bugie

Per quanto riguarda nello specifico il rapporto figli/autostima la formula è molto semplice:

se vuoi che tua figlia o tuo figlio abbia un’alta stima di sé, evita categoricamente di distruggergliela.

I bambini non hanno alcun concetto paragonabile a quello di autostima: l’autostima è un indicatore e come spiego sempre lo schema è semplicissimo:

sai cosa fare e lo fai = autostima alta

sai cosa fare e non lo fai = autostima bassa

e nota che questi sono ragionamenti da adulti.

I bambini imparano la procrastinazione dagli adulti: hai mai visto un bambino in crisi perché sa cosa deve fare eppure non lo fa?

I bambini non si fanno paturnie: fanno quello che sanno di dover fare.

Tutti gli altri ragionamenti (cosa penseranno gli altri? E se sbaglio? E se faccio una figuraccia? E se non funziona?) li imparano dagli adulti.

I bambini vivono in un perenne stato di apprendimento e gli unici sistemi che hanno per imparare sono:

  • imitazione
  • prove ed errori

te lo immagini un bambino che smette di provare a camminare solo perché ha paura di sbagliare? O perché ha paura del giudizio degli altri?

Invece gli adulti vivono giudicando gli altri e quindi hanno sempre paura che qualcuno li giudichi.

formazione coach coaching ipnosi pnl mattia lualdiEd è così che gli adulti insegnano la paura del giudizio ai bambini.

Attraverso le minacce insegnano la paura del fallimento.

Attraverso i propri comportamenti insegnano a procrastinare.

Questi sono i comportamenti da evitare se vuoi che tuo figlio continui a crescere con un atteggiamento vincente.

Ogni volta che fai una minaccia stai generando la futura paura del fallimento e quindi la paura di provare e di mettersi in gioco.

Ogni volta che dici “questo non si fa, questo è sbagliato, sei cattivo” senza dare spiegazioni sensate, stai preparando il terreno per la paura del giudizio altrui.

Ogni volta che rimandi qualcosa che dici di dover fare stai insegnando che gli impegni presi non sono poi così importanti.

I bambini hanno già l’atteggiamento giusto: impara da loro e fai in modo che lo mantengano.

formazione coach coaching ipnosi pnl mattia lualdiCome genitore devi essere congruente e devi fare in modo che tua figlia o tuo figlio accresca la sua fiducia nel mondo, nelle sue potenzialità e nelle possibilità di successo.

Tua figlia o tuo figlio sta già raggiungendo risultati strabilianti: pensa a tutte le cose che sta imparando spontaneamente, imitandoti e facendo tentativi, errori, nuovi tentativi e mantenendo un atteggiamento positivo e vincente.

 

I bambini hanno già tutto l’entusiasmo che gli serve, devi solo continuare a nutrirlo negli anni della crescita.

Può darsi che tu abbia figli ormai grandicelli, adolescenti o che hanno già avuto modo di sviluppare il concetto di autostima.

E magari devi intervenire perché ti stai accorgendo che c’è qualcosa che non va nei livelli di fiducia e di stima di sé.

In questo caso puoi seguire due strade.

1) Raccontare a tuo figlio in che modo ha imparato la maggior parte delle cose che sa: sperimentando, mantenendo un atteggiamento combattivo e mai rinunciatario, continuando a provare senza arrendersi, cercando nuove strade per le sfide più impegnative.

Pensaci: non potrebbe fare nulla di tutto quello che fa se in passato non avesse mantenuto l’entusiasmo necessario, e se l’ha avuto in passato questo significa che può ricrearlo.

2) Dando dei compiti precisi e mirati che servano ad aumentare la sua autostima. Assegnagli incarichi di responsabilità dimostrando la tua fiducia e la certezza che agirà bene. Chiedigli di portare a termine qualcosa di importante che prima avreste fatto insieme, in questo modo si sentirà importante e sentirà di crescere. Ogni volta che pretende di essere adulto, trattalo da adulto: con tutti gli oneri e tutti i doveri.

Dimostra che ti fidi delle sue capacità dandogli qualche piccola responsabilità: resta a osservare e ti stupirai di quanto le persone diano il meglio di sé appena le metti in condizione di farlo.